Giovani talenti e il ricordo di grandi personalità

Borse di studio della Fondazione per musicisti emergenti del Conservatorio Venezze per ricordare Paolo Ballarin, Ennio Raimondi, Marco Tamburin e Sergio Garbato.

A quattro grandi personalità che hanno dato lustro al Conservatorio Francesco Venezze e alla stessa città di Rovigo, a quattro figure di spicco che hanno coltivato e trasmesso la passione della musica, a quattro nomi la cui memoria vogliamo tenere viva.  Agli indiscussi maestri Marco Tamburini, già direttore del Dipartimento Jazz, e Paolo Ballarin, eccellente pianista e docente del Conservatorio, prematuramente scomparsi,  al prof. Ennio Raimondi,  già presidente del Conservatorio e artefice di tante iniziative, al prof. Sergio Garbato, poliedrica e generosa personalità del mondo musicale e culturale rodigino, che ci hanno recentemente lasciati, sono dedicate le borse di studio che la Fondazione Banca del Monte di Rovigo assegnerà a Manuel Caliumi, per la Sezione Musica Jazz, a Alessia Bruno, Francesca Pronto e Luca Giovannini, per la Sezione Musica Classica, giovani talentuosi allievi del Conservatorio rodigino segnalati dallo stesso istituto.

 

La cerimonia di consegna delle borse di studio  si terrà in Accademia dei Concordi in due momenti distinti nell’ambito della 97° Stagione Concertistica dell’Associazione Musicale Venezze, sostenuta dalla stessa Fondazione.

Domenica 10 febbraio  2019 saranno gli giovani assegnatari della borsa di studio Alessia Bruno, Francesca Pronto e Manuel Calliumi ad essere protagonisti del concerto “Violoncello, Arpa e Sax” -rispettivamente gli strumenti con cui si esibiranno nelle musiche di  M. Tournier, S. Saint-Saëns, A. Dvořák, R.C. Rodgers, W. Shorter, G. Gershwin-, accompagnati al pianoforte da Dario Michelon e Alessandro Altarocca.

Domenica 17 febbraio  sarà Luca Giovannini a ricevere la borsa di studio della Fondazione intitolata a Sergio Garbato,  durante il concerto “Adagio e Allegro” che condurrà con la pianista Leonora Armellini nella esecuzione di musiche di R. Schuman, J. Brahms, Shostakovich.

La Fondazione sostiene i giovani nel loro percorso formativo, riconosce il talento e l’impegno, li incoraggia a proseguire lo studio. Mentre offre alla città un appuntamento musicale di qualità, sempre atteso e partecipato, la Fondazione dà spazio a  talenti emergenti, mettendo in risalto il Conservatorio musicale  e  professionalità rodigine e ricordando personalità del mondo della cultura e della musica della nostra città.