Venti inediti racconti brevi

P1018179_rid

La Fondazione Banca del Monte di Rovigo nella scorsa primavera ha promosso la prima edizione del concorso letterario “Fondazione Banca del Monte di Rovigo per la scuola” rivolto agli studenti degli Istituti Scolastici di secondo grado del territorio provinciale e che prevedeva la produzione di racconti brevi inediti. La conclusione del concorso è avvenuta il 9 maggio scorso, nell’ambito del Festival Rovigoracconta 2015, con la proclamazione di tre vincitori.

La Fondazione ha ritenuto successivamente di raccogliere e pubblicare gli elaborati entrati nella rosa dei venti finalisti quale riconoscimento dei migliori classificati e nel contempo incoraggiamento alla scrittura quale espressione di sé, complice la formazione attraverso la lettura, per tutti gli studenti che hanno partecipato e quanti parteciperanno a nuove edizioni del concorso. Un evento pubblico allo scopo di presentare e consegnare tale volume ai diretti interessati è stato organizzato il 2 dicembre 2015 in Accademia dei Concordi.

Intenso e partecipato è stato l’evento a cui sono stati invitati tutti i giovani autori, insieme ai loro docenti e ai dirigenti scolastici, orgogliosamente accompagnati da familiari, compagni di classe ed amici.

Il Presidente della Fondazione, Luigi Costato, accogliendo gli studenti ha spiegato che con il volume si sono voluti premiare tutti i finalisti pubblicando i loro lavori:

questa conclusione del concorso ci pare il miglior premio per i venti ragazzi, che avranno così la possibilità di disporre, ciascuno, di qualche copia stampata del loro racconto, cosa che potrebbe incitarli a proseguire nella attività.

Il Segretario Generale della Fondazione Banca del Monte di Rovigo, Giorgio Lazzarini, ha illustrato lo scopo della manifestazione della serata e richiamato le motivazioni che hanno indotto la Fondazione a bandire la prima edizione del concorso letterario giovanile stimolando

la partecipazione con un racconto breve a tema libero allo scopo di promuovere la lettura e la scrittura nel contesto scolastico ed offrire l’opportunità di confronto con eventi culturali rilevanti.

La cerimonia di premiazione aveva infatti trovato collocazione  nel programma del Festival “Rovigoracconta” edizione 2015.

A dialogare in un piacevolissimo confronto con i ragazzi sono stati i componenti della Giuria Natalia Gennari e Mattia Signorini, quest’ultimo giovane scrittore rodigino di un certo successo, esempio egli stesso di come la scrittura sia divenuta una professione, rivelazione avvenuta proprio grazie ad un concorso giovanile. Diversi studenti hanno letto alcuni passi del loro racconto e, stimolati dalle domande dagli speciali conduttori, hanno commentato il significato e le motivazioni di quelle righe nel contesto della narrazione oltre che rivelato progetti e passioni intorno alla scrittura.

Il volume intitolato “Venti inediti racconto brevi” contiene racconti, appunto, di Michele Bacchiega, Alessia Balducci, Alessandro Barella, Sara Bolognesi, Marco Bordin, Elena Florindo, Alice  Fracassetto, Jessica Marabese, (Alberto Munerati terzo classificato con “ L’una e un quarto”), Emma Panizzo, Eva Pasello, Valentina Pierpaoli, Enrico Renesto, Leonora Roncon,  Matteo Rubiero ( secondo classificato con “ Le fiamme sulla terra”),  Giacomo  Sbrenna, Maria Adelaide Tavian, Sara Tescaro,  Lucrezia Toselli (prima classificata con il racconto “ Airbus della morte”), Marco Uncini.

La pubblicazione si presenta in una forma essenziale ma curata e riporta anche alcune immagini della cerimonia di premiazione del concorso dello scorso 9 maggio, le note del presidente della Fondazione Banca del Monte di Rovigo e del presidente della Giuria del concorso letterario “Fondazione Banca del Monte di Rovigo per la scuola”.

Il volume verrà consegnato anche a tutte le biblioteche e a tutti gli istituti scolastici della provincia quale testimonianza della libera forma di espressione giovanile. L’intento è sempre quello di

invitare i ragazzi delle scuole superiori a confrontarsi con la scrittura, senza timori e senza ipocrisie, nel modo più naturale possibile, cercando di essere se stessi, sia pure attraverso le maschere di una storia e di altri personaggi

come bene ha rappresentato il Presidente della Giuria, Sergio Garbato, nella nota di presentazione della pubblicazione.

E’ intenzione della Fondazione proporre per l’anno 2016 la seconda edizione del concorso letterario, sempre rivolto alle scuole superiori del territorio provinciale.