Musica e Pittura 2014

La domenica ai Concordi

9, 16, 23  e 30 novembre, ore 11. Sala Oliva, Accademia dei Concordi

La rassegna Musica e Pittura è proposta come un unico corpus insieme agli incontri di Musica e Poesia, tenuti nel mese di ottobre. I tre enti promotori, Fondazione Banca del Monte di Rovigo, Conservatorio “Francesco Venezze” e Accademia dei Concordi, consolidando la collaborazione e valorizzando le proprie energie, di per sé elevato messaggio di coesione che rafforza la consapevolezza del valore identitario del territorio  e produce  risultati per la collettività, intendono divulgare la cultura, con particolare riferimento al patrimonio e ai talenti del Polesine. Giunta alla diciannovesima edizione, la tradizionale proposta di coniugare musica e pittura s’innova di continuo in quanto propone un tema diverso ogni anno mentre porta alla conoscenza dei cittadini di Rovigo il patrimonio pittorico della locale Pinacoteca Concordiana, cui si accompagnano brani di grande valore musicale, eseguiti da maestri e allievi del Conservatorio “Francesco Venezze”, vanto cittadino noto a livello mondiale.

Tema della rassegna 2014 è il ritratto nel Barocco veneto, tratteggiato sia nell’aspetto figurativo sia in quello musicale.

Anche attraverso l’arte dei suoni è infatti possibile “dipingere” ritratti naturali e antropici, attraverso lo sviluppo di figure melodiche e armoniche sia nelle composizioni vocali sia in quelle strumentali, alternandosi ad  una straordinaria forza espressiva attraverso sinuose e complesse linee orizzontali da cui scaturisce un ricco catalogo delle molteplici passioni umane (a iniziare dal grande capolavoro dei Madrigali guerrieri e amorosi di Claudio Monteverdi) e di numerosi aspetti del mondo naturale. Tali disegni, nel passaggio dal fantasioso ed eccentrico Seicento all’equilibrio tipico del Settecento, tendono a divenire sempre più stilizzati e convenzionali, inseriti spesso in strutture più ampie e complesse con capolavori di somma grandezza ad opera soprattutto di Antonio Vivaldi, progenitore del concerto per strumento solista e orchestra.

Per quanto riguarda la pittura, il tema del ritratto nel Seicento Barocco veneto è rappresentato da alcuni  capolavori esposti presso la Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi e che di volta in volta vengono presentati al pubblico da esperti d’arte. Il Seicento Barocco veneto, o meglio veneziano, fu fondamentale per il rinnovamento del linguaggio artistico perché permise la riscoperta dei valori fondanti della tradizione pittorica lagunare cinquecentesca: colore ed atmosfera. La generazione dei pittori veneti di questo periodo, per nascita o formazione, annovera artisti di prima grandezza, come il padovano Gerolamo Forabosco  e Sebastiano Mazzoni, proveniente dalla Toscana. Si contrappone a questa generazione il movimento dei ‘tenebrosi’, di cui il pittore di origine bavarese Johann Carl Loth è espressione, e  della “realtà” come Pietro Bellotti da Volciano, che a Venezia si contraddistingue per la carica naturalistica ed il vivido realismo delle sue opere. 

Nel Seicento quindi la pittura veneta compie un passaggio dalle sue qualità coloristiche a cupe atmosfere chiaroscurali preferendo l’intensa drammaticità o il linguaggio volutamente realistico.

Programma

 

Domenica 9 novembre

Il Seicento in Musica: cantate, scherzi e duetti dei compositori che hanno reso Venezia la musicalissima patria del canto barocco italiano

 

Musiche di Domenico Gabrielli, Antonio Vivaldi, Baldassarre Galuppi, Giovanni Legrenzi, Anotonio Lotti.

Soprani Chiara Ardolino, Emma De Poli, Matsuo Yuko e Vittoria Giacobazzi

Clavicembalo Keiko Imai

Contrabbasso Luca Ballotta

Opere di Girolamo Forabosco presentate da Alessia Vedova.

 

Domenica 16 novembre

Humane passioni et echi in strumentali

Musiche di Benedetto Marcello, Antonio Vivaldi,  Barbara Strozzi.

Baritono Francesco Toso

Flauto Marco Venturuzzo

Clavicembalo Giuseppe Fagnocchi

Opere di Sebastiano Mazzoni  presentate da  Sarah Lanzoni.

 

Domenica 23 novembre

Danze da suonare

Musiche di Dario Castello, Giovanni Battista Fontana, Antonio Vivaldi, Giulio Cesare Barbetta, Johann Hyeronimus Kapsberger.

Violinista Claudia Lapolla

Chitarra Mauro Lombardo

Opere di Pietro Bellotti presentate da Roberta Reali.

 

Domenica 30 novembre

Antonio Vivaldi  e Le Quattro Stagioni

GAV Orchestra Giovani Archi Veneti

Violino principale Alberto Stiffoni (Primavera), Mitja Briscik (Estate), Valeria Zanella (Autunno), Leonardo Giovine (Inverno)

Violoncello principale  Riccardo Giovine e Marta Storer

Direttore Lucia Visentin

Opere di Johann Carl Loth presentate da Sara Surico.

 

Ingresso libero