Welfare di comunità

BANDO WELFARE DI COMUNITA’

La Fondazione Banca del Monte di Rovigo intende mantenere il proprio intervento nell’area sociale e prevalentemente a favore della comunità locale, con particolare attenzione alle persone e alle categorie sociali che presentano un forte rischio di emarginazione e comunque in situazioni di difficoltà economica e disagio. In proposito prevede di sostenere progetti ed iniziative di terzi, nell’ambito del settore istituzionale d’intervento Volontariato, filantropia e beneficenza, in relazione al quale è possibile rivolgere domanda di contributo.

I progetti dovranno essere presentati utilizzando il modulo scaricabile nella sezione richieste di questo sito, seguendo le indicazioni descritte nella stessa sezione.

Costituirà criterio preferenziale la capacità di analisi dei bisogni del territorio e la formulazione di proposte che rispondano a tali istanze, oltre che la precisione e la completezza della domanda, la chiarezza della descrizione, l’argomentazione delle motivazioni, la previsione dei risultati attesi e del numero dei beneficiari.

Gli ambiti oggettivi di intervento sono i seguenti:

–       contrasto alla povertà

–       contrasto alle fragilità sociali

–       contrasto al disagio giovanile

–       tutela dell’infanzia

–       cura e assistenza agli anziani e ai disabili

–       inclusione socio-lavorativa

–       integrazione degli immigrati.

 

Possono richiedere contributo:

–       enti pubblici

–       enti del terzo settore (Onlus, Odv, Aps).

Non sono ammesse richieste destinate all’attività commerciale. A tal proposito il beneficiario provvederà a rilasciare l’apposita dichiarazione di attività non commerciale (ex art. 28 del D.P.R. 600/1973).

I progetti saranno valutati nell’arco dell’anno dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione nelle sedute successive alla presentazione della domanda, compatibilmente con le risorse destinate al settore di intervento Volontariato, filantropia e beneficenza.

Le richieste di contributo saranno valutate in relazione al Regolamento delle attività istituzionali.